^ Back to Top

Senza la musica

la vita sarebbe un errore...

APERITIVI MUSICALI 2015 - 2016

APERITIVI MUSICALI 2015-2016

APERITIVI MUSICALI 2015-2016

 

DIM Teatro Comunale di Castelnuovo del Garda loc. Sandrà

Domenica 11 ottobre 2015

DUO CURTOLO-STAMBOLOV

Gisella Curtolo (viola)

Vesko Stambolov (pianoforte)

DUO CURTOLO-STAMBOLOV

PROGRAMMA

  1. Schumann      Merchenbilder

                                                     -     Nicht schnell

                                                     -     Lebhaft

                                                     -     Rasch

                                                     -     Langsam, mit melancholischem Ausdruck

 

  1. Hindemith Fantasía per viola e pianoforte
  1. Clarke Sonata per viola e pianoforte

                                                     -     Impetuoso

                                                     -     Vivace

                                                     -     Adagio, Allegro, Agitato

Gisella Curtolo

Gisella Curtolo si è esibita nei più prestigiosi teatri di tutto il mondo, dalla Carnagie Hall di New York al Musikverein di Wien impegnata in tourneè in Europa, U.S.A.,Sud America e Giappone. E´docente di violino presso il Conservatorio "C.Monteverdi"di Bolzano.
Vanta una ventennale esperienza sia come solista che orchestrale, come spalla dei secondi dell'Orchestra Mozart fondata e diretta da Claudio Abbado dal 2006, primo violino dell’Orchestra del teatro "La Fenice" di Venezia , spalla dei secondi dell'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma, membro della Lucerne Festival Orchestra e della Venice Baroque Orchestra. Invitata come primo violino al teatro "Lirico" di Cagliari, Orchestra sinfonica de Navarra, Orchestra d'ArchiItaliana, Orquesta barroca de l'Universidad de Salamanca, Orchestra Filarmonica del Friuli Venezia Giulia, Orchestra da camera di Padova e del Veneto, Orchestra Filarmonia Veneta. Ha partecipato come camerista a vari festivals internazionali , ai concerti dei "Solisti dell'Orchestra Mozart" e dei "Soloists of Lucerne Festival Orchestra".
Come violista ha suonato col Trio "Kandinsky" di Barcellona , col pianista Vesko Stambolov e molti altri gruppi. Attualmente è la viola del trio d'archi "Musicaperta" di Barcellona.

Ha partecipato all’incisione di numerosi cd per la Deutsch Grammophon con l’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado e con la Venice Baroque Orchestra diretta da Andrea Marcon con strumenti moderni e antichi.
Per la rivista italiana "Amadeus" ha inciso un Cd col quintetto con pianoforte "Five Lines ".
Si è diplomata al Conservatorio "B.Marcello" di Venezia con Mario Benvenuti e si è perfezionata con Salvatore Accardo e Franco Gulli in Italia e negli U.S.A. e coi cameristi Piero Farulli e Franco Rossi. 
E’ stata premiata nel 2002 al Bach International Violin Competition di Lipsia. Nel ’95 ha ricevuto un premio speciale al concorso "Lipizer"di Gorizia e nel ’93 il secondo premio al concorso "Città di Vittorio Veneto". Inoltre è risultata vincitrice di diversi concorsi per il posto di prima parte in orchestra.

Vesko Stambolov

Ha debuttato nel prestigioso Musikverein di Vienna nel 2010 con un concerto interamente dedicato a J. S. Bach, tornando nell’ottobre del 2013 con tre concerti per pianoforte ed archi di Bach. Anche ad ottobre del 2013 ha presentato un concerto dedicato a J.S.Bach nel Festival “L’arte del Barrocco” di Sofia e negli anni successivi a Barcellona. Ha registrato numerosi CD, tra i quali 3 con l’integrale dei concerti di Bach e i 2 concerti di Chopin per l’etichetta discografica “Metarecords” della Germania. Il suo primo CD dei concerti di Bach è stato messo in evidenza tra i 20 CD di pianisti di fama mondiale.

Solista tra i più desiderati in Bulgaria, Stambolov ha lavorato con molte orchestre di questo paese in 200 concerti e in tours all’estero, con grandi direttori. Ultimamente ha suonato da solista Rachmaninov – Concerto nº.3 con la Nuova Orchestra Sinfonica di Sofia con Rossen Milanov (inaugurazione della stagione, registrata dalla TV Nazionale Bulgara); Concerto No. 23 di Mozart con la orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Bulgara con Emil Tabakov; Haydn – Concerto in re maggiore con “Solisti di Sofia” con Plamen Djouroff ad Istambul e Sofia (registrato anche in CD); la totalità dei concerti di J.S.Bach con la Filarmonica di Pleven e la Orchestra di Cambra di Gabrovo, con le quali ha anche suonato un repertorio poco comune come concerti di C.P.E.Bach, J.Cr.Fr.Bach, J.Cr.Bach e L.Koželuch; Concerti per due tastiere di J.S.Bach con Emili Brugalla e la Orchestra di Menorca nei Festival estivi di Mahón e Ciudadela; Ravel – Concerto in Sol maggiore con le Filarmoniche di Shumen e Pleven; Gershwin – Raphsody in blue con la Filarmonica di Shumen, etc.

Ha offerto numerosi concerti in paesi europei, asiatici e africani (Spagna, Germania, Inghilterra, Austria, Grecia, Turchia, Corea, Algeria, ecc) così come in tutti i festival bulgari di lunga tradizione come “Settimane musicali di Sofia”, “Varna Summer”, “Apollonia”, “Giorni musicali di Marzo” a Ruse, il Festival di musica contemporanea “ppIANISSIMO”, dove ha debuttato opere di Fujikura, Volodymyr Runchak, Petar Petrov, Krassimir Taskov, ecc.           

Ha vinto il Grand Prix (e il Premio Speciale della Società "Chopin" di Parigi) nel Concorso Internazionale “Albert Roussel” a Sofia, i Primi Premi nei concorsi nazionali "S. Rachmaninov", "Classica Viennese", ecc.

Domenica 15 novembre 2015

DUO KEMELMAJER-ALIAS

Aron Kemelmajer (violino)

Graciela Alias (pianoforte)

DUO KEMELMAJER-ALIAS

PROGRAMMA

RECITAL DE VIOLIN Y PIANO COMPOSITORES ARGENTINOS

 

 

Luis Gianneo                               Cinco piezas                                                              

  • Vidala
  • Canción incaica
  • Chacarera
  • Canción de cuna
  • Zapateado

 

Carlos Guastavino                       Las niñas (piano solo)                                      

                      

         Rosita iglesias                                                  

 

Floro Ugarte                                 Sonata                                                                                                            

  • Apasionado y expresivo
  • Tiernamente melancólico
  • Vivaz y bien ritmado

                          

Astor Piazzolla                             Tzigane

                                                                  

                                                       Le grand tango                                                        

 

Aron Kemelmajer

Diplomato alla Scuola Superiore di Musica della Facoltà di Arte della U.N.C. sotto la guida del Maestro Humberto Nicastro, nel 1974 riceve una borsa di studio nel “Concorso Nazionale di Perfezionamento violinistico” per studiare col Maestro Szymsia Bajour.

Ha fatto parte delle seguenti orchestre sinfoniche argentine: U.N. di Cuyo, U.N. di San Juan, Sinfonica Nazionale e Municipale di Mar Del Plata, della quale è Primo violino di Spalla dall’anno 2000, incarico che vince per concorso.

Ha fatto parte della Camerata di Bariloche, partecipando al tour europeo nel 1980, della Filarmonica di Città di Messico e della Filarmonica della Vº Region (Cile) come Spalla ospite.

Ha offerto recital di Musica di Camera nelle principali sale del Paese: Teatro Colón, Auditorio de Belgrano, Teatri Auditórium, Colón e Notariado de Mar del Plata, Independencia de Mendoza, Auditorio de San Juan, Círculo de Rosario, ecc.

Inoltre ha suonato come solista con le orchestre: Sinfónica de la U. N. de Cuyo, Sinfónica Prov. de Santa Fé e Sinfónica de Mar deI PIata, con i direttori d’orchestra J. Fontenla, W. Castro, F. García Vigíl, G. Becerra e C. Vieu.

È stato parte integrante del “Quintetto Municipale di piano e archi Manuel Rego” (1981-2001), con il quale ha suonato in quasi tutte le sale del paese. Si è esibito all’estero in Spagna, Inghilterra, Italia, Bulgaria, Polonia, Grecia, Lussemburgo, Brasile e Cile. Ha ricevuto il premi “Alfonsina 1982”, “Mención Especial Estrella de Mar 1988” e “Estrella de Mar 1989”. Oltre alla sua attività artistica svolge un intenso lavoro pedagógico nella città di Mar del Plata.

Insieme alla pianista GracieIa AIías, conduce il ciclo dedicato alla musica da camera "Da Bach a Piazzolla", che si svolge nel Teatro Colón di Mar del Plata, per il quale ha ricevuto il premio "Alfonsina 2009", rilasciato dal Ministero della Cultura del Comune di General Pueyrredón.

Graciela Alias

Pianista argentina, nata a La Plata, inizia in questa città lo studio del pianoforte, che in seguito perfeziona a Buenos Aires con il prestigioso Maestro Alejandro Ntaca.

La sua vasta attività spazia dai recital di piano, alla musica da camera ai concerti con orchestra, con un ampio repertorio che spazia dal barocco ai giorni nostri, suonando brani per la prima volta a lei dedicati.

Suona nelle principali sale argentine e i suoi brani vengono passati per i principali canali radio e televisivi. Integra diverse formazioni cameristiche e in diverse occasioni è stata invitata da gruppi stabili come i Quartetti dell'Università Nazionale della Plata e Mar Del Plata e il Quintetto de Venti del Mozarteum Argentino.

Ottiene il Primo Premio nel “Concorso Nazionale di Giovani Strumentisti Città di Mar Del Plata”, cominciando così a suonare con la maggior parte delle orchestre sinfoniche e da camera argentine, come: Sinfonica Nazionale, Stabile del Teatro Argentina della Plata, Sinfonica di San Juan, Sinfonica di Santa Fe, Sinfonica di Rosario, Sinfonica di Bahia Blanca, da Camera Municipale di La Plata, del Congresso della Nazione, citandone solo alcune, e diretta dalle bacchette di Pedro I. Calderón, Carlos Vieu, Guillermo Becerra, Emir Saul, Eduardo Diazmunoz (Messico), Jordi Mora (Spagna), ecc.

Numerosi sono i suoi concerti anche all'estero: Venezuela, Spagna,  Germania, Uruguay, Cile e Israele. Nel 2002 vince in un concorso una borsa di studio dalla Segretaria di Cultura della Nazione per assistere come Controllore Ufficiale al Concorso Internazionale di Piano “Luis Sigall” a Viña Del Mar, Cile. Nel 2005 riceve il premio “Lobo De Mar” per il suo percorso artistico e nel 2008 il premio “Alfonsina”, rilasciato dal Ministero della Cultura del Comune di General Pueyrredón, per la creazione e organizzazione del prestigioso ciclo “Da Bach a Piazzolla”, nel Teatro Colón di Mar Del Plata. Parallelamente al suo lavoro artistico svolge un inteso lavoro pedagogico.

Domenica 6 dicembre 2015

DUO LARIONOVA- KOMISSAROVA

Tatiana Larionova (pianoforte)

Alina Komissorova (violino)

DUO LARIONOVA- KOMISSAROVA

PROGRAMMA

 

  1. Schubert Sonata La maggiore D 574 (Grand Duo)
    • Allegro moderato
    • Presto
    • Andantino
    • Allegro vivace

 

  1. I. Tchaikovsky "Melody" per violino e pianoforte
  1. Janacek Sonata per violino e pianoforte
  • Con moto
  • Ballada
  • Allegretto
  • Adagio
  1. Prokofiev Sonata n. 2 Op. 94a Re maggiore
  • Moderato
  • Presto - Poco piu mosso del - Tempo I
  • Andante
  • Allegro con brio - Poco meno mosso - Tempo I - Poco meno mosso - Allegro con brio

Tatiana Larionova
Inizia a studiare il pianoforte all’età di cinque anni. Nel 1991 viene ammessa alla Central Music School di Mosca, dove studia con il Professor Yuri Slesarev. Dopo essersi diplomata con il massimo dei voti entra al Conservatorio di Stato Tchaikovskij di Mosca nella classe di Victor Merzhanov fino al 2004, dove si laurea brillantemente. Si è successivamente perfezionata con Stanislav Ioudenitch presso l’International Center for Music, Park University, Kansas City dove ha vinto una full-Scholarship. Tatiana ha vinto numerosi premi in concorsi internazionali, fra cui International Liszt Piano Competition (Poland 1999), terzo premio al Concorso Internazionale S. Thalberg di Napoli (2004) e secondo premio al “Premio Seiler” International Piano Competition di Palermo (2004), Honorary Mention al Web Concert Hall International Competition (USA,2007), primo premio al Concorso Pianistico Internazionale “Lago di Monate” e primo premio al Concorso Pianistico Internazionale ”Palma d’oro”. Ha partecipato a molti festival pianistici internazionali, fra cui il festival “Col-Legno” di Lucca, il Tirolerfestspiele, Erl, il Forum Pianistico Europeo di Berlino e il “Bodensee-Festival” in Germania. Ha suonato nelle sale più importanti di tutta Europa (Russia, Bielorussia, Germania, Polonia, Francia, Austria, Svizzera, Italia ecc.) e negli Stati Uniti. Nel 2001 ha eseguito con grande successo di critica e pubblico in Concerto n. 23 di Mozart nella Sala Bolshoi del Conservatorio di Mosca con l’orchestra del Conservatorio diretta da A. Kaluzhnyi. Nell’Aprile 2009 esordisce con straordinarie acclamazioni nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano per la “Società dei Concerti”, concerto che le frutta il conferimento, da parte del Comune di Milano, del premio “Milano Donna” 2009, dedicato alle donne che, con la loro attività, fanno grande il nome di Milano nel mondo. Nel Novembre 2009 è uscito, per Limen Music, il suo debutto discografico: un cofanetto cd/dvd contenente musiche di Haydn, Liszt e Rachmaninoff.

Vive attualmente in Italia, dove suona regolarmente come solista per le più importanti istituzioni, e dove si dedica con passione anche alla musica da camera (duo pianistico con Davide Cabassi, trio con pianoforte, quartetto con percussioni ecc.) e all'insegnamento.

E' direttore artistico della fortunata stagione concertistica internazionale da camera "Primavera di Baggio". Nel 2013 fonda i corsi estivi Kawai a Ledro (junior e senior camp) ed è inoltre docente presso l'Istituto Comprensivo Madre Bucchi di Milano.

Alina Komissarova

Nata in una famiglia di musicisti a soli 9 anni fa la sua prima apparizione come solista con l’orchestra del Conservatorio di Kiev. Dal 1989 al’94 frequenta  l’Accademia Nazionale “P.I.Tschaikowski” sotto la guida del prof.B. Kotorovich, dove riceve il diploma da solista con la menzione d’onore. Durante questi anni, é stata frequentemente in  tour  da solista in Russia, Ukraina, Italia, Germania, accompagnata dall’ Orchestra Filarmonica Nazionale Ucraina, l’Orchestra della Radio di Stato, I Solisti Ucraini, Camerata Kiev, con registrazione per le radio e TV Ucraine e svizzere. Riconoscimenti internazionali le sono venuti in seguito alle partecipazioni in prestigiosi concorsi come Kloster Schoental (premio speciale della giuria), Caltanisetta (2° premio, e miglior duo violino e pianoforte) , San Sebastian (2° premio)  R.Molinari – Gstaad, Svizzera (3°premio) culminando con il 2° premio al Concorso Menuhin in Inghilterra  nel 1993 dove eseguì il concerto di A.Khaciaturian sotto la direzione di Lord Yehudi Menuhin stesso che le consentì di vincere una borsa di studio per 5 anni per perfezionarsi sotto la guida di Alberto Lysy  alla International Menuhin Music Academy. Membro della Camerata Lysy (con cui ha effettuato tournee in tutto il mondo), ha avuto il privilegio di perfezionarsi, tra gli altri, con Zahar Bron, Igor Oistrakh, Walter Levin, Mee-Kyung Lee, Jeremy and Yehudi Menuhin. Dopo il diploma con la menzione d’onore della I.M.M.A. diviene konzertmeister della Royal Danish Opera dal 1999 al 2001. Alina oggi é una solista e musicista da camera molto apprezzata in Danimarca e all’estero;

Spesso collabora con compositori danesi viventi come Ejnar Kanding, C.Mogensen sia in concerti che in registrazioni, ed ha collaborato come solista con i Koebenhavn Solisten. Alina, membro fondatore del Sestetto d’archi di Amburgo, suona un violino di J.B. Vuillaume del 1874.

 

Domenica 17 gennaio 2016

 

DUO TRAININI- BURATO

Roberto Trainini (violoncello)

Cristiano Burato (pianoforte)

DUO TRAININI- BURATO

 

PROGRAMMA

 

L.v. Beethoven                        Sonata “a Kreutzer” op. 47 (trascr. A. Franchomme)

          • Adagio sostenuto. Presto
          • Andante con variazioni
          • Finale: presto

 

  1. Brahms Sonata op.78 (trascr. J.Klengel/J.Brahms) in re magg
          • Vivace, ma non troppo
          • Adagio
          • Allegro molto moderato

 

Roberto Trainini

Nato a Bari nel 1975 comincia lo studio del violoncello col primo violoncello dell'opera di Montevideo e li prosegue al Conservatorio "N.Piccinni" di Bari con Vincenzo Caminiti, sotto la cui guida si diploma dopo aver vinto numerosi premi nazionali per giovani violoncellisti (Vittorio Veneto 1990 1°premio, Lorenzo Perosi Biella1993 e 1995 1° premio, SMM Milano 1995 3°premio).

Grazie al conseguimento di una prestigiosa borsa di studio, si trasferisce in Svizzera per proseguire gli studi sotto la guida di Radu Aldulescu alla International Menuhin Music Academy, Gstaad. Qui, è stato tra gli altri allievo per la musica da camera di Igor Oistrakh, Alberto Lysy e Yehudi Menuhin. Nel 1999 entra a far parte della classe per solisti di Wolfgang Mehlhorn alla Hochschule für Musik di Amburgo dove si diploma nel 2003 con il massimo dei voti e la menzione d'onore ("summa cum laude".) Si è inoltre perfezionato sotto la guida di Michel Strauss al Conservatorio Superiore di Parigi, Niklas Schmidt ad Amburgo, continua gli studi con Steven Isserlis a Prussia Cove, Inghilterra.

Dopo aver partecipato con successo a rinomati concorsi internazionali (1° premio,l concorso dell''Accademia di Amburgo 2001,Markneuikirchen 2001, 4° premio, Elise Meyer Amburgo 2001, 1° premio, Belgrado 2005, finalista e 4°posto, Bonucci 2003 premio speciale "G.Padroni come miglior concorrente Italiano,) si è affermato come un completo violoncellista: sia come camerista che come solista il suo repertorio spazia dal primo barocco (su strumenti originali) alla musica contemporanea. Nel 2003 è stato il violoncellista del Quartetto Scardanelli e ha studiato e collaborato con la compositrice Sofia Gubaidulina.

Nel 2002 ha eseguito il "Noumi" per vc e pf del compositore Serge Kaufmann in prima mondiale al Festival di Moulin d'Andé. Nel 2003 dopo aver ascoltato in radio la Sonata "Arpeggione" di Franz Schubert, il famoso violinista Luz Leskowitz lo chiama a far parte dei Solisti di Salisburgo. Dal 2004 al 2009 è stato primo violoncello solista dell' Opera di Lüneburg, poi primo violoncello solista nel 2009 dell'Orchestra di Stato di Cipro, Nicosia e della prestigiosa SSO Singapore Symphony Orchestra. E' membro fondatore nel 2006 del Sestetto d' Archi di Amburgo e dell'Anton Rubinstein Piano Trio.

Dal 2012 Professore di Violoncello al Conservatorio "Monteverdi" di Bolzano e suona un violoncello Alessandro Ciciliati del 2010.

 

Cristiano Burato

Nato nel 1968, si è imposto definitivamente sulle scene internazionali con la vincita, nel 1996, del prestigioso Concorso Internazionale “Dino Ciani - Teatro alla Scala” di Milano, con verdetto unanime della Giuria presieduta da Riccardo Muti. Si è esibito nelle sale più prestigiose in Italia e all’estero come il “Teatro alla Scala” di Milano, la “Wigmore Hall” di Londra, l'Auditorium delle Nazioni Unite di New York, la Queen’s Hall di Edinburgo, ecc. Ha collaborato con prestigiose orchestre e con importanti direttori d’orchestra, tra i quali Simon Rattle. Ha effettuato registrazioni per la RAI, la BBC di Londra, Radio France, la ABC of Australia, la NDR di Hannover, oltre che per diverse case discografiche. Docente presso il Conservatorio di Bolzano, è anche membro del Comitato Artistico del Concorso “Busoni”. Per meriti artistici è stato premiato con Medaglia dal Presidente della Repubblica Italiana.

 

Domenica 31 gennaio 2016

 

QUARTETTO D’ARCHI DI TORINO

Vittorio Marchese (violino)

Umberto Fantini (violino)

Andrea Repetto     (viola)

Manuel Zigante     (violoncello)

QUARTETTO D’ARCHI DI TORINO

 

PROGRAMMA

 

  1. Brahms Quartetto op.51 n.1 in do min
          • Allegro
          • Romanze: Poco adagio
          • Allegretto molto moderato e comodo
          • Allegro

 

  1. Schubert Quartetto op. post.161 D 887 in sol
          • Allegro molto moderato
          • Andante un poco moto
          • Scherzo: Allegro vivace with trio: Allegretto
          • Allegro assai

 

Il "Quartetto d'Archi di Torino" è presente da più di venticinque anni nelle più importanti stagioni musicali.

Nato e cresciuto grazie a Piero Farulli, Andrea Nannoni, Milan Skampa e György Kurtág, il Quartetto ha ottenuto l'incarico di "Quartet in Residence" all'Istituto Universitario Europeo di Firenze (1990), il Diploma d'onore presso l'Accademia Musicale Chigiana di Siena e il II Premio al "IV Concorso Internazionale per Quartetto d'archi" di Cremona (1994); inoltre il Secondo Premio, il Premio speciale per il Quartetto meglio classificato e il Premio del pubblico al Concorso Internazionale "Vittorio Gui" di Firenze (1995).

Nel 1997 ha ricevuto la Menzione speciale della giuria del "XIXème Concours International de Quatuor à cordes d'Evian" e nel 1999 il Premio per meriti artistici della città di Torino. 

Il Quartetto si esibisce nelle più importanti stagioni concertistiche o Festival internazionali (ad esempio l'integrale dei quartetti di Giacinto Scelsi nell'ambito della 23ª biennale di Zagabria e più recentemente al Festival "Archiphel" di Ginevra), e le sue interpretazioni vengono regolarmente trasmesse in Italia e all'estero (Radio Tre, Rai Tre, Telepiù 3, R.T.B.F, Radio 3 Bruxelles, France Musique, B.B.C. e Radio Clásica – Madrid – , Radio Slovenija, Radio Zagabria).

Tra le registrazioni discografiche un CD dedicato alla mitteleuropa (Webern, Berg, Janáček) e un CD dedicato a Giuseppe Verdi con il Quartetto in mi minore e la trascrizione di "Un ballo in maschera" (ambedue prodotti da De Sono), un cd dedicato a Nicola Sani (four darks in the red) della Stradivarius, Un cd dedicato a Giacinto Scelsi della Stradivarius, un cd di Alessandro Appignani (the last bard) dellla Brilliant.(vedi pagina Audiovideo).

La notorietà presso il grande pubblico è arrivata grazie alla colonna sonora (BMG) del film di Gabriele Salvatores "Io non ho paura" composta da Ezio Bosso (2002), spesso proposta in concerto in forma di suite.La collaborazione con Ezio Bosso prosegue con una seconda incisione con "The ways of thousand and one comet" (2004), "Lettere - IV Quartetto" (2004) e "The Lodger" (2005).

Il Quartetto d'archi di Torino ha molti amici musicali con i quali suona e suonava :  Olga Arzilli, Valentin Berlinsky, Lucia Castellani, Aldo Ciccolini - con il quale ha realizzato un CD per l'etichetta Phoenix dedicato a Guido Alberto Fano - Sergio Delmastro, Enrico Dindo, Piero Farulli, Giacomo Dalla Libera, Giuseppe Garbarino, Roberta Gottardi, Andrea Nannoni, Tiziano Mealli, Mariaclara Monetti, Frederic Zigante, Antonello Farulli, Ula Ulijona,  in ottetto con lo Skampa Quartet e il Quartetto Prometeo.

Il Quartetto ha eseguito a Città del Messico i quartetti di Mozart e nella stagione concertistica dell'Accademia di Pinerolo l'integrale dei quartetti di Beethoven.

E' tra i pochissimi quartetti al mondo ad eseguire regolarmente il II string Quartet di Morton Feldman, il quartetto più lungo della storia e opera culto della musica contemporanea, della durata di circa sei ore.

www.quartettoditorino.com

 

Domenica 14 febbraio 2016

 

DUO MEZZENA-ROSELLI

Franco Mezzena (violino)

Eros Roselli (chitarra)

DUO MEZZENA-ROSELLI

PROGRAMMA

Musica del XX e XXI secolo per violino e chitarra

 

  1. Margola (1908-1992) Sonatina

-   allegretto

-   allegretto affettuoso

-   vigoroso

  1. Eespere (1953) Respectus
  2. Roselli (1960) Quattro pezzi
  3. Mahle (1929) Sonata

-    allegro moderato

                                                               -     andantino

                                                                -     vivo

  1. Piazzolla (1921-1992) Bordel 1900

Café 1930

Night club 1960

Franco Mezzena

Nato a Trento, ha studiato con Salvatore Accardo. La sua attività come solista e in varie formazioni da camera, lo vede presente nei più importanti teatri e ospite nei principali festivals di tutta Europa, Giappone, Stati Uniti, Centro e Sud America. Recentemente ha ottenuto uno strepitoso successo alla Carnegie Hall di New York interpretando il Concerto Op. 64 di Mendelssohn. Ha suonato con celebri artisti tra i quali citiamo Salvatore Accardo, Arturo Bonucci. Bruno Canino, Roberto Fabbriciani, Rocco Filippini, Bruno Giuranna, Alain Meunier, Bruno Mezzena, Anthony Pay, Franco Petracchi, Ruggiero Ricci, Angelo Stefanato ecc. È conosciuto in tutto il mondo per moltissimi CD (più di 60). Ha registrato in prima mondiale, per Dynamic, l'integrale dei 29 Concerti per violino e orchestra di Viotti e numerosi inediti paganiniani. Ha inciso per Wide Classique l’integrale delle composizioni per piano e violino di Beethoven con Stefano Giavazzi. Suona in Duo con la violinista Nancy Barnaba (di recente pubblicazione il primo CD dell’integrale dei Duetti di Viotti). È stato docente di Violino nei Conservatori di Trento, Pescara e Bari. È Direttore e fondatore dell'Accademia Mezzogiorno Musicale che ha sede a Taranto. Ha fondato l’Orchestra da Camera di Taranto di cui è solista e direttore principale e il Quartetto Viotti con Nancy Barnaba, Luca Ranieri e Maria Cecilia Berioli. Tiene numerosi corsi di perfezionamento in Italia e all’estero (Royal College e Trinity College di Londra, Oxford, Hochschule F. Mendelssohn di Lipsia, Tokyo, Osaka, Città del Messico ecc.). È attivo anche come direttore d’orchestra (Orchestra Sinfonica di Lubiana, Orchestra Sinfonica di Jalisco, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra da Camera Milano Classica, ecc.). Suona su un violino di Antonio Stradivari del 1695 e su strumenti costruiti dal liutaio Giuseppe Leone (Ceglie Messapica). È Direttore Artistico della sezione musica del Teatro Viotti di Fontanetto Po (Vercelli). Vince il Premio Napoli Cultural Classic (XV edizione) alle Eccellenze 2015, per la sezione Musica.

Eros Roselli

Ha studiato chitarra con Ruggero Chiesa diplomandosi col massimo dei voti al Conservatorio di Brescia. Ha seguito i Corsi di perfezionamento con A. Gilardino, E. Fisk, M. Barrueco e D. Russell. Premiato con riconoscimenti ufficiali al Concorso Internazionale “F. Sor” di Roma, al Festival di musica del XX secolo di Lagonegro, al Premio Internacional “Fundaciòn Guerrero” di Madrid, al Concorso “M. Canals” di Barcellona, al Concorso Nazionale di Savona... tiene concerti dal 1985 in Italia, Croazia, Austria, Svizzera, Spagna, Inghilterra, Russia, Danimarca... Sue esecuzioni sono state trasmesse dalla RAI, dalla BBC, dalla Radio Nacional Española, da Classic New York (WSHU) e da Australia’s National Classical Music Network. Per Brilliant Classics, ASV, SOMM Recordings, Azzurra Music ha inciso musica da camera di Boccherini, Giuliani, Vivaldi e Diabelli, opere per chitarra sola di Sor, Paganini e Bach. Il CD con gli studi per chitarra di Fernando Sor è così recensito da American Record Guide: “superb Italian guitarist Eros Roselli is a first-rate musician and he offers probing interpretations of even the most unassuming miniatures, employing his supple sense of phrasing, pristine articulation, and full tone to remarkably satisfying effect”. Ha tenuto master class in Scozia, Inghilterra, Spagna, Austria, Danimarca, Lituania e Slovacchia. Da alcuni anni si dedica anche alla composizione con opere pubblicate dalle edizioni Sconfinarte e da Lantro Music. Laureato in sociologia all'Università di Trento con una tesi sulla musica contemporanea, è docente di chitarra presso il Conservatorio di Musica di Mantova, dove, nel periodo 2010-2013 ha anche svolto l'incarico di Direttore. Dal 2015 fa parte del gruppo di esperti di valutazione del settore AFAM (musica) selezionato dall'agenzia di valutazione nazionale Anvur. L'esperienza maturata in diversi incarichi di rilievo istituzionale l'ha portato a scrivere un libro intitolato Uscire dal ghetto?, dedicato alla riforma dei Conservatori di musica e pubblicato nel 2015 da Armando editore.